Skip to main content

Mancano cibo, carburante e finanziamenti: si ferma l'operazione del WFP in nord Etiopia

ADDIS ABEBA – L’agenzia ONU World Food Programme (WFP) ha lanciato oggi l’allarme: le sue operazioni di assistenza alimentare salvavita nel nord dell’Etiopia stanno per interrompersi a causa degli intensi combattimenti che hanno bloccato il passaggio di carburante e cibo.

A causa dell’escalation del conflitto nel nord Etiopia nessun convoglio del WFP ha raggiunto Mekelle dalla metà di dicembre. Sono ora terminati gli stock di cibo nutritivo rafforzato per la cura della malnutrizione di bambini e donne, e le ultime quantità di cereali, legumi e olio verranno distribuite la settimana prossima. “Ci troviamo ora nella condizione di dover scegliere chi rimarrà senza cibo e questo per sfamare chi è in condizioni peggiori e potrebbe morire per la fame”, ha detto Michael Dunford, Direttore Regionale del WFP per l’Africa orientale.

“Abbiamo bisogno di garanzie immediate da tutte le parti coinvolte nel conflitto per corridoi umanitari sicuri, attraverso tutte le strade nel nord dell’Etiopia. Il flusso dei rifornimenti umanitari non va semplicemente avanti con la rapidità e l’entità di cui ci sarebbe bisogno. La mancanza sia di cibo che di carburante vuol dire che siamo riusciti a raggiungere soltanto il 20 per cento di quanti avremmo dovuto raggiungere in quest’ultima distribuzione nel Tigray. Siamo a un passo dal disastro umanitario”.

A più di un anno dall’inizio del conflitto nel nord dell’Etiopia, si stima che 9,4 milioni di persone abbiano bisogno di assistenza umanitaria. Si tratta di un aumento di 2,7 milioni di persone in appena quattro mesi, il numero più alto finora raggiunto. Allo stesso tempo, a causa dei combattimenti, le distribuzioni di cibo sono al loro minimo.

Il WFP prevede di raggiungere 2,1 milioni di persone con assistenza alimentare in Tigray, 650.000 nell’Amhara e 534.000 nella regione di Afar.

Inoltre, il WFP avverte che dal mese prossimo potrebbe esaurire i rifornimenti alimentari e nutritivi per milioni di persone in tutta l’Etiopia a causa di una mancanza senza precedenti di finanziamenti. Il WFP ha bisogno di ulteriori 337 milioni di dollari per portare avanti la risposta di assistenza alimentare di emergenza nel nord dell’Etiopia e 170 milioni di dollari per raggiungere nei prossimi sei mesi quanti sono colpiti da una forte siccità nella regione somala.

#                  #                   #

L’agenzia ONU World Food Programme è stata insignita del Premio Nobel per la Pace 2020. Impegnata a salvare vite nelle emergenze, siamo la più grande organizzazione umanitaria al mondo la cui assistenza alimentare vuole costruire un percorso di pace, stabilità e prosperità per quanti si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico.

 

Seguici su Twitter @WFP_it, @WFP, @WFP_media, @WFP_Ethiopia, @WFP_Africa

 

Argomenti

Ethiopia Conflitti

Contatto

Per maggiori informazioni, contattare (email: nome.cognome@wfp.org):

Claire Nevill, WFP/Addis Ababa, Mob. +251 094 433 4949
Gordon Weiss, WFP/Nairobi, Mob. +254 707 722 104