Skip to main content

Aumento dei conflitti armati, deterioramento della sicurezza, povertà diffusa e impatto dei cambiamenti climatici rappresentano una seria minaccia per i paesi nel Sahel centrale. Attacchi ai civili e infrastrutture e conflitti tra gli stati e gruppi armati hanno causato massicce migrazioni in Burkina Faso, Mali e Niger.

Gli sfollati hanno urgente bisogno di assistenza salvavita. La maggior parte di loro viene ospitata dalle comunità locali, a loro volta prive di mezzi ed estremamente vulnerabili. I bisogni alimentari sono fortemente in crescita mentre l'accesso umanitario diventa sempre più difficile. La crescente insicurezza mette a rischio i progressi fatti in diversi settori, inclusi la sicurezza alimentare e la nutrizione, sconvolgendo i flussi commerciali e del cibo. Molte famiglie che a malapena si erano riprese dalla grave crisi alimentare che ha colpito il Sahel nel 2018, sono ora di nuovo colpite dalle violenze.

Un tempestivo intervento umanitario per salvare vite è ora essenziale. La grande sfida è fare fronte ai crescenti bisogni umanitari e, allo stesso tempo, salvaguardare i progressi raggiunti negli anni recenti nella costruzione della resilienza delle comunità.

Il World Food Programme (WFP) prevede di associare i suoi interventi umanitari salvavita con maggiori investimenti in attività che proteggano i mezzi di sussistenza, ristorino gli ecosistemi, creino opportunità di lavoro e costruiscano la coesione sociale, allo scopo di trasformare le vite, porre fine alla fame, ridurre le migrazioni in condizioni di insicurezza, istruire le giovani generazioni e bloccare i conflitti.

Il WFP ha bisogno di oltre 178 milioni di dollari fino a marzo 2021 per i tre paesi del Sahel centrale.

5 milioni
le persone che il WFP prevede di assistere in Burkina Faso, Mali e Niger
1,6 milioni
il numero dgli sfollati a causa nei tre paesi
178 milioni di dollari
sono necessari al WFP entro marzo 2021

Quello che il World Food Programme sta facendo nel Sahel

  • Burkina Faso

    Le operazioni del WFP includono: assistenza alimentare d'emergenza per sfollati, comunità ospitanti, rifugiati e quanti sono colpiti dalla stagione di magra; alimentazione scolastica, incluso il sostegno a un progetto locale di produzione di yogurt; cura e prevenzione della malnutrizione; assistenza alimentare in cambio di beni per i piccoli agricoltori; sostegno ai processi operativi; micro e macro sistemi assicurativi; sviluppo della capacità nazionale; fornitura di tecnologia delle comunicazioni, logistica e altro necessario sostegno ai partner.
  • Mali

    Come negli altri paesi della fascia del Sahel, anche il Mali registra alti livelli di insicurezza alimentare e nutrizionale causata da condizioni climatiche avverse e alti livelli di povertà. La situazione è peggiorata dal conflitto. Il WFP fornisce un insieme di attività: dalla risposta d'emergenza al rafforzamento della resilienza delle comunità agli shock.
  • Niger

    Il WFP fornisce assistenza alle popolazioni colpite dalla crisi, inclusi rifugiati e sfollati, attraverso assistenza alimentare, alimentazione scolastica e cibi nutritivi speciali per bambini. Il WFP, inoltre, sostiene i bambini vulnerabili durante l'anno scolastico con attività di alimentazione scolastica che stimolano la produzione locale di cibo. L'agenzia ONU sta implementando con successo attività importanti per migliorare la vita delle persone attraverso un approccio comunitario, incluso lo sviluppo o la riabilitazione di beni, acquisti locali e misure per la gestione del rischio climatico.

Fai una donazione in emergenza

Aiutaci a raggiungere più persone possibili e a portare loro cibo salva-vita