Skip to main content

Dichiarazione congiunta UNDP, UNFPA, UNICEF, WFP e OMS sugli aiuti umanitari a Gaza

NEW YORK/GINEVRA/ROMA 22 ottobre 2023 – ““Un primo, ma limitato, carico di aiuti umanitari salvavita delle Nazioni Unite e della Mezzaluna Rossa egiziana è entrato oggi a Gaza con 20 camion, passando attraverso il valico di Rafah.

Fornirà un'ancora di salvezza urgente ad alcune delle centinaia di migliaia di civili, soprattutto donne e bambini, che sono stati tagliati fuori da acqua, cibo, medicine e altri beni essenziali. Ma si tratta di un piccolo inizio, non affatto sufficiente. Più di 1,6 milioni di persone a Gaza hanno un bisogno critico di aiuti umanitari. I bambini, le donne incinte e gli anziani restano i più vulnerabili. Quasi la metà della popolazione di Gaza è costituita da minorenni. 

Con così tante infrastrutture civili a Gaza danneggiate o distrutte in quasi due settimane di bombardamenti costanti, tra cui rifugi, strutture sanitarie, acqua, servizi igienici e sistemi elettrici, manca poco prima che i tassi di mortalità salgano alle stelle a causa dell'insorgere di malattie e della mancanza di assistanza sanitaria.

Gli ospedali sono sovraccarichi di feriti. I civili hanno sempre più difficoltà ad accedere alle scorte alimentari essenziali. Le strutture sanitarie non hanno più carburante e funzionano con le piccole quantità che si sono procurate in loco. Si prevede che queste si esauriranno nei prossimi giorni. La capacità di produzione dell'acqua è al 5 per cento dei livelli normali. Le forniture umanitarie preposizionate sono già esaurite. Le persone vulnerabili sono quelle più a rischio e i bambini muoiono a un ritmo allarmante, vedendosi negare il diritto alla protezione, al cibo, all'acqua e all'assistenza sanitaria. 

Quasi un terzo della popolazione palestinese era in condizioni di insicurezza alimentare prima del conflitto a Gaza. Oggi le scorte nei negozi sono quasi esaurite e le panetterie stanno chiudendo, mentre decine di migliaia di persone sono sfollate e non possono cucinare o acquistare cibo in sicurezza.

Chiediamo un cessate il fuoco umanitario e un accesso umanitario immediato e senza restrizioni in tutta Gaza, per consentire agli operatori umanitari di raggiungere i civili in difficoltà, salvare vite e prevenire ulteriori sofferenze umane. I flussi di aiuti umanitari devono essere su larga scala e prolungati, consentendo a tutti gli abitanti di Gaza di preservare la propria dignità.  

Chiediamo un accesso sicuro e duraturo all'acqua, al cibo, alla salute - compresa la salute sessuale e riproduttiva - e al carburante, necessario per consentire i servizi essenziali.

Chiediamo la protezione di tutti i civili e delle infrastrutture civili a Gaza, comprese le strutture sanitarie.
Chiediamo la protezione degli operatori umanitari a Gaza che rischiano la vita per aiutare gli altri. 
E chiediamo il massimo rispetto del diritto internazionale umanitario da parte di tutte le parti.

Gaza era una situazione umanitaria disperata prima delle recenti ostilità. Ora è catastrofica. Il mondo deve fare di più”.

 

 

Argomenti

Palestina Logistica e reti di distribuzione Emergenze Conflitti

Contatto

UNDP- Dylan Lowthian, Tel: +1 646 673 6350, dylan.lowthian@undp.org

UNFPA- Eddie Wright,  Tel: +1 917 831 2074 , ewright@unfpa.org ; Media Team: media@unfpa.org

UNICEF – Kurtis Cooper, Tel: +1 917 476 1435, kacooper@unicef.org

WFP - wfp.media@wfp.org

WHO – Media Team, mediainquiries@who.int