Skip to main content

Allarme WFP: a Gaza il collasso del sistema alimentare. Si espande la fame.

Solo il 10 per cento delle forniture alimentari necessarie sono entrate a Gaza dall’inizio del conflitto e ora la Striscia si trova ad affrontare un enorme deficit alimentare e una fame diffusa. Quasi l’intera popolazione ha un disperato bisogno di assistenza alimentare. E' questo l'allarme del World Food Programme.

“Le scorte di cibo e acqua sono praticamente inesistenti a Gaza e solo una frazione di ciò che serve riesce ad attraversare i confini. Con l'inverno che si avvicina rapidamente, con rifugi insicuri e sovraffollati e la mancanza di acqua pulita, i civili si trovano ad affrontare l'immediata possibilità di morire di fame", ha detto Cindy McCain, Direttrice Esecutiva del WFP . "Non c'è modo di soddisfare le attuali esigenze alimentari con un solo valico di frontiera operativo. L’unica speranza è aprire un altro passaggio sicuro per l’accesso umanitario e portare cibo salvavita a Gaza”.

All'inizio di questa settimana, il WFP ha confermato la chiusura dell'ultimo panificio che opera in collaborazione con l'agenzia per mancanza di carburante. La carenza di carburante ha provocato un paralizzante arresto della produzione di pane in tutti i 130 panifici di Gaza. Il pane, alimento base per la popolazione di Gaza, è attualmente scarso o inesistente.

La carenza di carburante sta anche paralizzando le operazioni umanitarie e le distribuzioni, compresa la consegna di assistenza alimentare. Anche se martedì i camion sono arrivati dall’Egitto e hanno scaricato rifornimenti a Gaza, non sono riusciti a raggiungere i civili nei rifugi a causa del carburante insufficiente per i veicoli.

Dei 1.129 camion che sono entrati a Gaza dall'apertura del valico di frontiera di Rafah il 21 ottobre, solo 447 trasportavano scorte di cibo. Anche se il WFP accoglie con favore l’aumento del numero di camion che attraversano Gaza, il volume rimane terribilmente inadeguato: il cibo che è entrato a Gaza è sufficiente solo a soddisfare il 7 per cento del fabbisogno calorico minimo giornaliero della popolazione.

Le infrastrutture alimentari a Gaza non sono più funzionanti; solo il 25 per cento dei negozi convenzionati con il WFP rimangono aperti e altri hanno esaurito i generi alimentari essenziali. I mercati locali hanno chiuso completamente. Le piccole quantità di cibo che si possono trovare vengono vendute a prezzi esorbitanti e sono di scarsa utilità senza la possibilità di cucinare, costringendo alcuni a sopravvivere con un pasto al giorno. Per i fortunati, significa poco più del semplice cibo in scatola, anche se alcune persone sono ricorse al consumo di cipolle crude e melanzane non cotte.

"Il collasso delle catene di approvvigionamento alimentare è un punto di svolta catastrofico in una situazione già terribile, in cui le persone sono state private dei beni di prima necessità", ha detto Samer Abdeljaber, Rappresentante e direttore nazionale in Palestina. "Senza accesso al carburante, la nostra capacità di fornire pane come anche il trasporto di cibo a chi ne ha bisogno è stato gravemente compromesso, portando sostanzialmente la vita a Gaza a un punto morto. La gente soffre la fame."

Dal mese scorso, il WFP ha fornito assistenza alimentare di emergenza a oltre 700.000 sfollati a Gaza e prevede di aumentare l’assistenza alimentare per raggiungere oltre un milione di persone nelle prossime settimane. Tuttavia, ciò può avvenire solo con corridoi di rifornimento più ampi e sostenuti verso Gaza, con la capacità di far muovere il personale con accesso umanitario sicuro e con ulteriore sostegno da parte dei donatori.

 

Argomenti

Palestina Conflitti

Contatto

Abeer Etefa, WFP/Cairo,
Mob. +20 10 666 34352

Alia Zaki, WFP/Gerusalemme,
Mob. +972 54 226 8732

Martin Penner, WFP/Roma,
Mob. +39 345 614 2074

Nina Valente, WFP/ Londra,
Mob. +44 (0)796 8008 474

Martin Rentsch, WFP/Berlino,
Mob +49 160 99 26 17 30

Shaza Moghraby, WFP/New York,
Mob. + 1 929 289 9867

Steve Taravella, WFP/ Washington,
Mob.  +1 202 770 5993

Thida Ith, WFP/ Ottawa,
Mob. +1 613 608 2587