Skip to main content

Riduzione delle razioni alimentari per i rifugiati in Africa orientale per i rifugiati per risorse limitate a causa del coronavirus

rifugiati in fila
Rifugiati al campo di Bidibidi, Uganda, in fila per ricevere l'assistenza del WFP. Foto: WFP/Petroc Wilton
NAIROBI – Fame e malnutrizione incombono su milioni di rifugiati in Africa orientale che dipendono, per sopravvivere, dall'assistenza dell’agenzia ONU World Food Programme (WFP), mentre l'impatto socioeconomico della pandemia di COVID-19 riduce i vitali finanziamenti dei donatori.

Il WFP è stato già costretto a ridurre ili cibo o i trasferimenti in denaro dal 10 al 30 per cento per oltre 2,7 milioni di rifugiati in Etiopia, Uganda, Kenia, Sud Sudan e Gibuti. Nei prossimi mesi, il WFP sarà costretto a tagliare ancora più drasticamente se non si ricevono in tempo ulteriori finanziamenti urgenti.

"I rifugiati sono particolarmente vulnerabili alla diffusione del COVID-19 perché vivono in campi ad alta densità abitativa e fragili o inadeguati in termini di ripari, servizi sanitari, accesso all'acqua pulita e servizi igienici ", ha detto Michael Dunford, Direttore regionale del WFP per l'Africa Orientale.

I rifugiati sono anche colpiti dal forte impatto socioeconomico della pandemia e dalla malattia stessa. I più vulnerabili tra donne, bambini e anziani sono sempre più a rischio di malnutrizione che, a sua volta, può avere un impatto sul sistema immunitario e aumentare il rischio di contrarre la malattia, un tragico circolo vizioso nel pieno di una pandemia.

"Il COVID deve ancora raggiungere il picco in Africa orientale, e non possiamo voltare le spalle alle persone che sono state costrette a fuggire e sono bloccate in campi remoti", ha aggiunto Dunford. "Molti hanno già perso le poche opportunità di guadagno a causa della recessione economica causata dalle restrizioni dovute al COVID-19".

Il WFP ha bisogno di 323 milioni di dollari per assistere i rifugiati nella regione per i prossimi sei mesi, si tratta di un aumento del 22 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

A causa delle restrizioni, le scuole nei campi rifugiati sono chiuse, e i bambini hanno perso i vitali pasti scolastici in Etiopia, Kenya, Sud Sudan, Ruanda e Uganda. In tutti questi paesi, ad eccezione del Ruanda, la carenza di fondi ha impedito al WFP di fornire razioni da portare a casa ai bambini rifugiati per aiutarli a studiare nelle proprie abitazioni e a mantenere un buono stato nutrizionale.

Chiusure scolastiche prolungate possono portare a un aumento delle gravidanze adolescenziali, abusi sessuali, matrimoni precoci, violenza domestica, lavoro minorile e alti tassi di abbandono scolastico. Minacciano di erodere i risultati ottenuti con fatica nel corso degli anni per migliorare l'accesso a un'istruzione di qualità per i rifugiati nei campi.

Per le donne e le ragazze, è maggiore il rischio di subire violenza di genere, sfruttamento sessuale e abusi, oltre a dover ricorrere al sesso a pagamento per sopravvivere. Le persone con disabilità e i minori non accompagnati o separati sono i più vulnerabili.

"Purtroppo, sono i più poveri e svantaggiati che soffrono di più", ha detto Dunford. “Semplicemente, non possiamo lasciare che ciò accada. Il COVID-19 non può essere una scusa che il mondo si dà per voltare le spalle ai rifugiati in questo momento terribile".

La situazione per i rifugiati è così grave che il WFP si rivolge sia ai donatori tradizionali che ai nuovi possibili donatori, come le istituzioni finanziarie internazionali, nel farsi avanti e assistere i rifugiati, proprio perché la loro vulnerabilità è aumentata solo a causa del COVID-19. Donatori come la Banca Mondiale si sono fatti avanti per sostenere i governi della regione ad assistere i poveri che vivono in insediamenti informali nelle aree urbane dopo che milioni di persone hanno perso i propri mezzi di sussistenza a causa delle recessioni economiche innescate dalle restrizioni dovute al COVID-19.

Se il WFP dovesse essere costretto a continuare a tagliare le razioni dei rifugiati, ciò potrebbe spingere le comunità di rifugiati a spostarsi all'interno dei paesi ospitanti o addirittura oltre i confini, nel disperato tentatiivo di soddisfare i propri bisogni essenziali, e questi spostamenti si verificherebbero nel momento peggiore, cioè nel mezzo della pandemia di coronavirus.

Il WFP elogia i governi della regione per continuare ad ospitare i rifugiati e per aver in gran parte mantenuto le frontiere aperte.

                                        #                           #                            #

Il World Food Programme delle Nazioni Unite è la più grande organizzazione umanitaria al mondo, impegnata a salvare vite nelle emergenze, promuovere il benessere e sostenere un futuro sostenibile per le popolazioni che si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico.

 

Seguici su Twitter @WFP_IT, @wfp_media, @WFP

 

Argomenti

Emergenze sanitarie Rifugiati e migrazioni

Contatto

Per maggiori informazioni, contattare (indirizzo email: nome.cognome@wfp.org):

Peter Smerdon WFP/Nairobi, Cell. +254 707 722 104