Skip to main content

Madagascar meridionale. Allarme di Governo e Nazioni Unite sul rischio carestia. Servono interventi urgenti.

una bambina in piedi
Foto: WFP/Krystyna Kovalenko. Una bambina nel comune di Sihanamaro, uno degli epicentri della crisi alimentare nel Grand Sud del Madagascar
È urgente potenziare l’assistenza sia negli aiuti alimentari che nei mezzi di sostentamento agricolo per scongiurare uno scenario ancora peggiore.

ANTANANARIVO, MADAGASCAR - Ogni giorno sempre più vite sono in pericolo con la fame che stringe la sua morsa nel Madagascar del sud. Il duro monito è lanciato da due agenzie delle Nazioni Unite, la FAO e il World Food Programme (WFP), mentre cercano di portare l’attenzione internazionale su una crisi umanitaria che rischia di rimanere invisibile.

Circa 1,14 milioni di persone nel Madagascar del sud affrontano alti livelli di insicurezza alimentare acuta, quasi 14.000 sono al livello di “catastrofe” (livello 5, il più alto nella scala di Classificazione integrata della sicurezza alimentare (IPC).

È la prima volta che si registra il livello 5 in Madagascar dall’introduzione della metodologia IPC nel 2016. A meno che non vengano prese azioni urgenti ora, si prevede che il numero di persone a livello di “catastrofe” raddoppi nel corso della prossima stagione di magra che inizia ad ottobre.

Fino a tre quarti della popolazione nel distretto maggiormente colpito di Amboasary Atsimo soffre le dure consequenze di siccità, tempeste di sabbia, malattie e parassiti animali e delle piante e impatto del Covid-19. I tassi di malnutrizione acuta globale hanno superato l’allarmante cifra del 27 per cento, causando danni irreversibili ai bambini.

“Il punto non è più quanto drammatica sia la situazione. La situazione è estremamente drammatica. I bambini hanno fame, stanno morendo. Ho incontrato una madre con un bambino di otto mesi che sembrava ne avesse due. Aveva già perso il figlio più grande”, ha detto Amer Daoudi, Direttore Senior delle Operazioni del WFP che ha recentemente visitato Sihanamaro,  una delle aree più colpite. “Stiamo già vedendo interi villaggi che chiudono e si spostano nei centri urbani. Questo aggiunge ulteriore pressione ad una situazione già fragile”.

La peggiore siccità degli ultimi quarant’anni, che si è consolidata negli ultimi tre anni, ha distrutto i raccolti e reso difficile l’accesso delle persone al cibo. Ciò avviene in aggiunta ad anni di deforestazione e della risultante erosione del suolo – ora aggravata dal cambiamento climatico – che hanno devastato l’ambiente, con tempeste di sabbia senza precedenti che hanno trasformato interi appezzamenti di terra arabile in una terra desolata.

La stagione agricola 2019/2020 ha registrato una drammatica diminuzione della produzione di cibo, scenario aggravato poi da un altro anno di scarse precipitazioni nel 2020/2021, il quinto con piogge sotto la media nel sud semi arido dell’isola.

Il raccolto 2021 di riso, mais, manioca e legumi si prevede sia inferiore della metà della media quinquennale, preparando la strada per una prolungata e grave stagione di magra, che inizia ad ottobre.

“Un fatto che sembrerebbe contro-intuitivo è che il 95 per cento delle persone che sono esposte all’insicurezza alimentare acuta nel Madagascar del sud vivono di agricoltura, allevamento e pesca. Anni di magri raccolti causati da una siccità dopo l’altra, e danni alla pesca causati dal clima, hanno spinto le persone sul baratro. C’è bisogno di azioni immediate per mantenere in vita il bestiame e fornire sementi, irrigazione, strumenti e attrezzature per la pesca che rafforzino rapidamente la produzione locale e la disponibilità di cibo, ma non possiamo trascurare la necessità di costruire mezzi di sostentamento agricoli più resilienti al clima a lungo termine”, ha detto Dominique Burgeon, Direttore delle Emergenze e della Resilienza della FAO.

Data la significativa perdita dei mezzi di sostentamento e il ridotto accesso al cibo delle famiglie vulnerabili, diventa vitale fornire alle comunità agricole sementi, attrezzature e altri beni essenziali per dare l’avvio alla produzione locale di cibo, generando reddito e costruendo la resilienza. Questo sostegno all’agricoltura e ai mezzi di sostentamento rurale complementa l’assistenza alimentare d’emergenza ed evita che le famiglie vendano i loro beni produttivi come gli attrezzi agricoli o addirittura gli utensili da cucina solo per sopravvivere.

Urgente ricevere risorse per salvare vite umane

Le riserve umanitarie di cibo in Madagascar si stanno esaurendo. Il WFP sta portando rifornimenti ma l’accesso alle aree più colpite è ostacolato da infrastrutture carenti e una scarna rete stradale. Le restrizioni dovute al Covid-19 hanno interrotto i collegamenti aerei verso l’isola con la conseguenza che i vitali carichi umanitari arrivano solo via mare e si è allungato di molto il tempo che serve a convertire le donazioni in aiuti umanitari.

Da ottobre 2020, il Governo e il WFP hanno progressivamente assistito circa 750.000 persone con distribuzioni generali di cibo insieme a distribuzioni di alimenti supplementari per la prevenzione della malnutrizione acuta moderata nei bambini al di sotto dei cinque anni e per donne incinte o che allattano. Tuttavia, la crisi dell’insicurezza alimentare è cresciuta rapidamente e questo sostegno non è sufficiente a neutralizzare l’impatto e il rischio di carestia. Il WFP ha urgentemente bisogno di 74 milioni di dollari per i prossimi sei mesi per evitare una situazione disastrosa nel Madagascar meridionale.

Il Governo e la FAO hanno, nel frattempo, supportato i mezzi di sostentamento di circa 20.000 famiglie di agricoltori (circa 160.000 persone) con pacchi di sementi per verdure a rapida crescita, formazione in strategie agricole resilienti alla siccità e riduzione delle perdite post-raccolto. Inoltre, la FAO ha distribuito mangime e kit per la salute per mantenere in vita pollame, capre e pecore. Anche un piccolo aumento nella produzione familiare di cibo può fare una grande differenza per le famiglie a rischio, e questo sostegno deve essere potenziato con forza.

La FAO ha urgentemente bisogno di 40 milioni di dollari per raggiungere ulteriori 225.000 famiglie di agricoltori con sostegno salvavita per la stagione di magra in arrivo fino alla fine dell’anno.

L’allarme della FAO e del WFP di oggi si inquadra nelle crescenti preoccupazioni internazionali sull’aumento dei livelli di insicurezza alimentare acuta, con il recente Rapporto globale sulle Crisi Alimentari a testimoniare il livello di urgenza. In risposta all’appello del Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, alla solidarietà internazionale per #FightFamine, quest’anno, la FAO e il WFP hanno bisogno di 5,5 miliardi di dollari in finanziamenti urgenti per aiuti umanitari alimentari e sostegno ai mezzi di sostentamento.

Sono disponibili immagini video e foto.

 

Argomenti

Madagascar Siccità Sicurezza alimentare Clima

Contatto

CONTATTI

Volantiana Raharinaivo, FAO/Antananarivo, Volantiana.Raharinaivo@fao.org +261 32 04 708 19

Zoie Jones, FAO/Regional Office for Africa, Zoie.Jones@fao.org +39 331 431 0003

Aina Andrianalizaha, WFP/Antananarivo, Aina.Andrianalizaha@wfp.org +261 32 23 605 82

Shelley Thakral, WFP/Johannesburg, shelley.thakral@wfp.org  +91 6309927371

Isheeta Sumra, WFP/Roma, isheeta.sumra@wfp.org +39 3471814398