Skip to main content

Il World Food Programme incrementa le proprie operazioni in Libano a seguito dell’esplosione nel porto di Beirut

Ci sia aspetta un forte rialzo dei prezzi dei prodotti alimentari con il paese messo già in ginocchio dalla peggiore crisi finanziaria di sempre
, WFP Italia
1*THMXR23Qc96dZKYBI5yXoA.jpeg
120.000 tonnellate di cibo sono andate perse nell'esplosione al porto di Beirut. Foto: AFP

Articolo scritto il 6 agosto 2020.

Il World Food Programme è molto preoccupato stato della sicurezza alimentare in Libano dopo l' esplosione di martedì 4 agosto a Beirut, che ha ucciso oltre 200 persone in un momento in cui il paese è alle prese con la peggiore crisi economica della sua storia.

Su richiesta del ministero libanese per gli Affari Sociali, il WFP fornirà 5.000 pacchi alimentari alle famiglie colpite. Ogni pacco include riso, pasta, olio, zucchero, sale e salsa di pomodoro ed è sufficiente a sfamare una famiglia di cinque persone per un mese.

1*v0HjWQTHVuMoEk2iq7pNcw.jpeg
Una casa che affaccia sul porto. Foto: Joseph Eid / AFP

"I danni al porto di Beirut, dove arrivano le navi che trasportano un terzo dei rifornimenti di cibo del WFP per la regione, peggioreranno di molto le già drammatiche prospettive economiche e la sicurezza alimentare nel paese", ha detto un portavoce del WFP.

Tra i timori principali c'è la distruzione di 120.000 tonnellate di alimenti di base che erano nei depositi al porto — come grano, soia e altri legumi — e la concreta possibilità che i prezzi dei generi alimentari salgano alle stelle.

Anche prima dell'esplosione, la sicurezza alimentare in Libano era preoccupante, con un milione di persone sotto la soglia di povertà e il 45 per cento dei libanesi che rischiano di cadere in stato di povertà, secondo la Banca Mondiale.

Il WFP continua a fornire assistenza sotto forma di carte elettroniche caricate con denaro per l'acquisto di cibo, a 107.000 libanesi, attraverso il Programma contro la Povertà nazionale del governo.

Una recente indagine del WFP sull'impatto congiunto della crisi economica e delle misure di prevenzione al Covid-19 sulla sicurezza alimentare e i mezzi di sostentamento ha indicato che il cibo è una preoccupazione costante, il 50 per cento degli intervistati si è detto preoccupato di non avere cibo sufficiente sulla tavola.

Le importazioni di cibo, che coprono fino all'85 per cento i bisogni del paese, si sono fortemente ridotte da novembre 2019 ad aprile 2020, e i prezzi dei generi alimentari di base sono raddoppiati negli ultimi mesi.

Si teme che 300.000 persone abbiano avuto la casa distrutta a causa delle esplosioni di martedì scorso e la crisi alimentare si accompagna a quella sanitaria dal momento che gli ospedali, già sotto pressione per i casi di Covid-19, non accolgono più i pazienti.

Mentre si valutano le esigenze di sicurezza alimentare, il WFP sta cercando di facilitare il supporto medico ove possibile. Il 6 agosto 2020, un volo per Beirut, che trasportava 8,5 tonnellate di attrezzature chirurgiche e traumatologiche donate dal Ministero degli Affari Esteri italiano, è partito dalla Base di Pronto Intervento Umanitario delle Nazion Unite di Brindisi, gestita dal WFP.

1*w-MchCALNrMXTCWmB6RNtw.jpeg
Una donna viene evacuata dal quartiere parzialmente distrutto di Mar Mikhael, a Beirut. Foto: Patrick Baz / AFP

L'organizzazione, i suoi partner, i donatori e il governo libanese stanno urgentemente cercando di proteggere i più vulnerabili migliorando e aumentando l'assistenza sociale per i più poveri, anche attraverso reti di sicurezza di emergenza.

Il WFP sta pianificando l'assistenza alimentare di emergenza per sostenere 50.000 famiglie vulnerabili libanesi — fino a 250.000 persone, colpite dalla crisi economica e dal COVID-19 — in collaborazione con diverse agenzie umanitarie. Il WFP sta anche distribuendo razioni di cibo a 13.000 famiglie di bambini che sono stati inclusi nel programma di alimentazione scolastica.

1*KhCmztE1ElKx2epADYGqGA.jpeg
Si teme che fino a 300.000 persone abbiano perso la casa in seguito all'esplosione. Foto: AFP

Il previsto aumento dei prezzi dei prodotti alimentari arriva in un momento di impennata della disoccupazione e di tagli ai salari, con molte famiglie che lottano per arrivare alla fine del mese.

Al fine di dare più strumenti possibile alle persone per una ripresa nel lungo periodo, il WFP continuerà i programmi che aiutano a costruire — e ricostruire — canali di irrigazione e drenaggio delle acque piovane, mercati di frutta e verdura e strade, fondamentali per migliorare il settore agricolo.

Il Direttore Esecutivo del World Food Programme, David Beasley, è in visita a Beirut da domenica 9 agosto 2020.

DONA per aiutare il World Food Programme a sostenere le famiglie di Beirut