Skip to main content

Beirut: famiglie disperate e disoccupazione alle stelle dopo l’esplosione al porto

Fai una DONAZIONE per aiutare il World Food Programme a sostenere le famiglie e i soccorsi a Beirut
, WFP Italia

Storia di Reem Nada

Assistenza alimentare del World Food Programme mentre il crollo della valuta riduce le speranze

1*400v67CV44Gw7qZb8PxAAw.png
Mohamed Omar Hussein ha perso il lavoro dopo che il porto di Beirut è stato distrutto il 4 agosto: tre dei suoi cinque figli sono rimasti feriti dall'esplosione. Foto: WFP / Malak Jaafar

A Karantina, una delle zone più povere di Beirut, si sente dire che l'esplosione che ha distrutto il vicino porto il 4 agosto "aggiunge dolore alla miseria", la miseria di vivere la peggiore crisi economica della storia del Libano.

Cammini per le strade e ti imbatti in veicoli distrutti, case sventrate, persone che sembrano ferite, madri disperate che cercano cibo per la famiglia e il modo di recuperare modesti appartamenti squassati dall'esplosione.

"Stavo tornando a casa dal lavoro al porto e mi sono fermato al negozio di un parente", racconta Mohamed Omar Hussein, che vive a pochi minuti dal porto, con la moglie e cinque figli.

"Abbiamo sentito l'esplosione e sono stato catapultato dentro al negozio", spiega. "Per la strada, gridavo: ‘Mio Dio, i miei figli'. Sono tornato a casa e li ho trovati con mio fratello. Tre di loro sono rimasti feriti, ma ringrazio Dio che stanno bene, così come mia moglie".

1*W2BkZBGaipFxGR4Q3xJhUA.png
L'esplosione ha ridotto ulteriormente le già poche opportunità di lavoro. Foto: WFP / Malak Jaafar

L'uomo dice che, prima dell'esplosione, riusciva a lavorare "forse meno di dieci giorni al mese". Ora, il lavoro non c'è proprio più.

"Ci hanno detto di restare a casa per un po'", dice. Hussein è grato di essere vivo, però aggiunge: "Potrei restare senza lavoro per una settimana, due settimane, un mese o forse anche di più".

1*6oleDrYmR8Q5uwkuFdcqUA.jpeg
Uno dei quartieri più poveri di Beirut, Karantina, prende il nome da "quarantena". Foto: WFP / Malak Jaafar

Ora Hussein non ha idea di come riuscirà a soddisfare i bisogni dei suoi figli. La famiglia ha ricevuto assistenza alimentare che dovrebbe durare per un mese, ma bisogna pagare l'affitto; prima gli rimaneva metà dello stipendio dopo aver pagato l'affitto, ora non ha più nulla.

L'esplosione ha drammaticamente aggravato la crisi economica del Libano. Molti avevano già perso il lavoro o visto il valore dei loro salari ridursi quasi a zero, a causa della forte svalutazione della lira libanese, che ha perso più dell'80% nell'ultimo anno.

Prima della crisi, un lavoratore occasionale come Hussein poteva guadagnare circa 1 milione di lire libanesi — equivalenti a circa 660 dollari: ora valgono 140 dollari.

Il lockdown ha reso la vita più difficile per tutti, come mai prima d'ora.

Poi è arrivata l'esplosione. Le famiglie di Karantina con la casa distrutta non hanno le risorse per riparare ciò che resta. "Non ci sono più le finestre, non ci sono più le porte", dice Hussein. "I letti dei bambini sono distrutti".

Molti dicono di essere scampati alla morte per miracolo, ma riuscire ad andare avanti è un'altra questione. Per tanti, lasciare il paese sembra l'unica soluzione.

Karantina prende il nome dalla parola "quarantena": a metà del XVI secolo, infatti, il quartiere ospitava chi arrivava malato al porto di Beirut — oggi le persone non hanno quasi più nulla. Molti hanno perso i propri cari e tantissimi sono rimasti feriti, con le case distrutte.

1*OOOP4UvNqwMghgEjLcHJvg.jpeg
Mohamed Darwish dice che sarebbe disposto a rischiare la vita per lasciare il Libano ora che ha perso il lavoro. Foto: WFP / Malak Jaafar

"Siamo fortunati ad essere vivi", dice Mohamed Darwish, un idraulico di 48 anni che al momento dell'esplosione camminava per le strade del quartiere in cui è cresciuto e in cui ha vissuto gran parte della vita. L'esplosione ha causato almeno 178 vittime e circa 6.000 feriti. Almeno 30 persone sono disperse.

Sulla base di valutazioni preliminari, Karantina è uno dei 12 quartieri dei governatorati di Beirut e del Monte Libano maggiormente colpiti dall'esplosione. A una settimana dall'esplosione, il WFP ha effettuato una distribuzione di cibo nel quartiere, distribuendo pacchi di cibo a 200 famiglie.

"Vivo alla giornata — la vita è molto difficile. Se potessi andarmene, lo farei", dice Darwish. "Lo farei con ogni mezzo, anche se avessi solo l'uno per cento di possibilità di sopravvivere. Vorrei davvero una vita migliore."

Effettua una DONAZIONE per aiutare il World Food Programme a sostenere le famiglie e la ripresa a Beirut