Skip to main content

UNESCO, UNICEF, WFP e Banca Mondiale: nuove linee guida per una riapertura in sicurezza delle scuole

Alunni in una classe
Le chiusure delle scuole per il COVID-19 riguardano circa 1,3 miliardi di studenti nel mondo.
L’UNESCO, l’UNICEF, il WFP e la Banca Mondiale hanno lanciato oggi delle nuove linee guida sulla riapertura in sicurezza delle scuole, con le chiusure in corso che stanno colpendo circa 1,3 miliardi di studenti nel mondo.

Le agenzie inoltre hanno indicato che le chiusure diffuse delle strutture scolastiche in risposta alla pandemia di Covid-19 comportano un rischio senza precedenti per l’istruzione e per il benessere dei bambini, in particolare per quelli più marginalizzati che contano sulla scuola per l’istruzione, la salute, la sicurezza e la nutrizione. Le linee guida offrono dei consigli pratici per le autorità locali e nazionali su come proteggere i bambini al momento del rientro a scuola.

“Le disuguaglianze in aumento, le conseguenze sulla salute, le violenze, il lavoro minorile e i matrimoni precoci sono solo alcune delle minacce a lungo termine per i bambini che perdono la scuola”, ha dichiarato Henrietta Fore, Direttore Generale dell’UNICEF. “Sappiamo che quanto più a lungo i bambini non vanno a scuola, tante meno probabilità hanno di farvi mai più ritorno. Se non rendiamo prioritaria la riapertura delle scuole – quando sarà sicuro farlo – probabilmente vedremo un'inversione di tendenza devastante nei progressi nell'istruzione”.

Le nuove linee guida spiegano che, mentre mancano dati sufficienti per misurare l’impatto delle chiusure scolastiche sui tassi di trasmissione della malattia, ben documentati sono invece gli effetti avversi della chiusura delle scuole sulla sicurezza e l’apprendimento dei bambini. I progressi fatti nell’aumento dell’accesso all’istruzione dei bambini negli ultimi decenni rischiano di andare persi se non, nei casi peggiori, di fare dei passi indietro.

“Nei paesi più poveri, i bambini spesso contano sulle scuole per il loro unico pasto della giornata. Ma, con molte scuole attualmente chiuse a causa del Covid-19, 370 milioni di bambini stanno perdendo questi pasti nutrienti che sono un’ancora di salvezza per le famiglie povere. E non hanno neanche più il supporto alla salute che normalmente ricevono attraverso la scuola. I danni potrebbero essere duraturi, quindi quando le scuole riapriranno è fondamentale che questi programmi per la nutrizione e la salute vengano ripresi, e questo potrebbe anche incoraggiare il ritorno dei bambini più vulnerabili a scuola”, ha dichiarato David Beasley, Direttore Esecutivo del WFP.

Secondo le linee guida, il superiore interesse del bambino e considerazioni generali per la salute pubblica – basate su una valutazione dei benefici associati e dei rischi per l’istruzione, la salute pubblica e fattori socio-economici – devono essere centrali nelle decisioni delle autorità nazionali e locali circa la riapertura delle scuole.

Le scuole devono valutare come possono riaprire al meglio - con un migliore apprendimento e un sostegno più completo per i bambini a scuola, che comprenda la salute, la nutrizione, il sostegno psicosociale, l'acqua e i servizi igienico-sanitari.

Mentre i paesi si occupano di quando riaprire le scuole, l'UNESCO, l'UNICEF, il WFP e la Banca Mondiale - nell'ambito della Global Education Coalition - invitano i governi a valutare i benefici dell'istruzione in classe rispetto all'apprendimento a distanza e i fattori di rischio legati alla riapertura delle scuole, rilevando la scarsa evidenza dei rischi di contagio legati alla frequenza scolastica.

"Mentre molti studenti stanno rimanendo indietro nel loro percorso di apprendimento a causa della prolungata chiusura delle scuole, la decisione su quando e come riaprire le scuole, anche se è difficile, dovrebbe essere una priorità. Una volta che ci sarà il via libera sul fronte della salute, sarà necessario adottare tutta una serie di misure per garantire che nessuno studente rimanga indietro. Queste linee guida forniscono ai governi e ai partner indicazioni a tutto tondo per facilitare la riapertura delle scuole per studenti, insegnanti e famiglie. Condividiamo un unico obiettivo: proteggere e far progredire il diritto all'istruzione per ogni studente", ha detto il Direttore Generale dell'UNESCO Audrey Azoulay.

Le linee guida includono:

  • Riforma delle politiche: le implicazioni politiche riguardano tutti gli aspetti delle linee guida, comprese chiare politiche per l'apertura e la chiusura delle scuole durante le emergenze sanitarie, le riforme necessarie per espandere l'accesso equo per i bambini emarginati e che non vanno a scuola, nonché per rafforzare e standardizzare le pratiche di apprendimento a distanza.
  • Esigenze di finanziamento: affrontare l'impatto del Covid-19 sull'istruzione e investire nel rafforzamento dei sistemi formativi per la ripresa e la resilienza.
  • Operazioni in sicurezza: garantire condizioni che riducano la trasmissione delle malattie, salvaguardare i servizi e le forniture essenziali e promuovere un comportamento sano. Ciò include l'accesso al sapone e all'acqua pulita per un lavaggio sicuro delle mani, procedure su quando il personale o gli studenti si sentono male, protocolli sulla distanza sociale e buone pratiche igieniche.
  • Compensare l'apprendimento: concentrarsi su pratiche che compensino il tempo delll'istruzione perduto, rafforzino la pedagogia e si basino su modelli di apprendimento ibrido, come l'integrazione di approcci nell'istruzione a distanza e da remoto. Questo deve includere la conoscenza della trasmissione e la prevenzione delle malattie.
  • Benessere e protezione: ampliare l'attenzione sul benessere degli studenti e rafforzare la protezione dei bambini attraverso meccanismi di orientamento potenziati e la fornitura di servizi essenziali a livello scolastico, tra cui l'assistenza sanitaria e l'alimentazione scolastica.
  • Raggiungere i più marginalizzati: adattare le politiche e le pratiche di riapertura della scuola per ampliare l'accesso ai gruppi marginalizzati, come i bambini che in precedenza non andavano a scuola, i bambini sfollati e migranti e le minoranze. Diversificare comunicazioni e attività di sensibilizzazione fondamentali, rendendole disponibili nelle lingue rilevanti e in formati accessibili.

 

"Una volta che le scuole cominceranno a riaprire, la priorità diventerà quella di reintegrare gli studenti in ambienti scolastici in modo sicuro e con modalità che permettano di recuperare l'apprendimento, soprattutto per coloro che hanno subito le maggiori perdite in questo senso. Questo è un momento cruciale in quanto è il trampolino di lancio per una nuova normalità che dovrebbe essere più efficace ed equa. Per gestire le riaperture, le scuole dovranno essere preparate logisticamente con il personale docente pronto. E dovranno avere piani specifici per sostenere il recupero dell'apprendimento degli studenti più svantaggiati. Le linee guida offrono un quadro di riferimento per le azioni da compiersi sulle quali le principali agenzie delle Nazioni Unite sono allineate", ha dichiarato Jaime Saavedra, Direttore Globale per l'Istruzione della Banca Mondiale.

#                                             #                                             #

WORLD FOOD PROGRAMME

Il World Food Programme delle Nazioni Unite è la più grande organizzazione umanitaria al mondo, impegnata a salvare vite nelle emergenze, promuovere il benessere e sostenere un futuro sostenibile per le popolazioni che si stanno riprendendo dai conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico.

UNICEF

L’UNICEF lavora in alcuni dei posti più difficili del pianeta per aiutare i bambini più vulnerabili del mondo. In oltre 190 paesi e territori, lavoriamo per tutti i bambini, per costruire un mondo migliore per tutti.

 

 

 

Argomenti

Emergenze sanitarie Alimentazione scolastica

Contatto

Per maggiori informazioni, contattare:

Georgina Thompson, UNICEF, Tel. +1 917 238 1559, gthompson@unicef.org

David Orr, WFP, Tel. +39 340 246 6831, David.orr@wfp.org

George Papagiannis, UNESCO: Tel. +33 1 45 68 17 06, g.papagiannis@unesco.org