Skip to main content

Il WFP chiede la riapertura urgente dei porti ucraini per limitare la crisi alimentare globale

Il WFP chiede la riapertura dei porti nell'area di Odessa, nell'Ucraina meridionale, così che il cibo prodotto nel paese dilaniato dalla guerra possa arrivare nel resto del mondo, prima che la crisi alimentare mondiale in corso vada fuori controllo.

“In questo momento, i silos di grano dell'Ucraina sono pieni. Allo stesso tempo, 44 ​​milioni di persone in tutto il mondo sono ad un passo dalla fame. Dobbiamo aprire questi porti in modo che il cibo possa entrare e uscire dall'Ucraina. Lo chiede il mondo, perché centinaia di milioni di persone in tutto il pianeta dipendono da queste forniture”, ha affermato il Direttore Esecutivo del WFP David Beasley. "Non c'è più tempo e il costo dell'inazione sarà più alto di quanto si possa immaginare. Esorto tutte le parti coinvolte a consentire a questo cibo di uscire dall'Ucraina così che arrivi dove è disperatamente necessario in modo da poter scongiurare l'incombente minaccia di carestia".

Con i porti bloccati a causa della guerra, milioni di tonnellate di grano sono stoccate in silos a Odessa e in altri porti ucraini sul Mar Nero. Altro grano è bloccato sulle navi impossibilitate a muoversi a causa del conflitto.

A meno che i porti non vengano riaperti, gli agricoltori ucraini non avranno uno spazio dove immagazzinare il prossimo raccolto di luglio/agosto, con il risultato che montagne di grano andranno sprecate mentre il WFP e il mondo faticano a fare fronte a una già catastrofica crisi globale della fame.

L'analisi del WFP ha rilevato che 276 milioni di persone in tutto il mondo stavano già affrontando la fame acuta all'inizio del 2022. Si prevede che tale numero aumenterà di 47 milioni di persone se il conflitto in Ucraina continuasse, con gli aumenti più alti nell'Africa subsahariana.

Prima della guerra, la maggior parte del cibo prodotto dall'Ucraina, sufficiente a sfamare 400 milioni di persone, veniva esportato attraverso i sette porti del Mar Nero del Paese. Negli otto mesi precedenti l'inizio del conflitto, quasi 51 milioni di tonnellate di grano sono transitate attraverso quei porti.

L'interruzione causata dalla guerra ha già spinto i prezzi sui mercati delle materie prime alimentari ben al di sopra dei massimi record raggiunti all'inizio di quest'anno. Nel mese successivo all'inizio della crisi, i prezzi all'esportazione di grano e mais sono aumentati rispettivamente del 22% e del 20%, oltre ai forti aumenti nel 2021 e all'inizio del 2022.

L'aumento dei prezzi dei generi alimentari, insieme all'impennata del costo del carburante, stanno facendo aumentare i costi operativi del WFP fino a 71 milioni di dollari al mese - l'equivalente del costo di fornire a quasi 4 milioni di persone una razione giornaliera per un mese -  riducendo di fatto la sua capacità di rispondere alle crisi della fame in tutto il mondo. 

Per scaricare immagini video, cliccare qui

###

L’agenzia ONU World Food Programme è stata insignita del Premio Nobel per la Pace 2020. Impegnata a salvare vite nelle emergenze, siamo la più grande organizzazione umanitaria al mondo la cui assistenza alimentare vuole costruire un percorso di pace, stabilità e prosperità per quanti si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico.

Argomenti

Ukraine Emergenze

Contatto

indirizzo email: nome.cognome@wfp.org

 

Reem Nada, Leopoli,  + WFP/Dnipro, +380666901231 (Ucraina) +201066634522 (whatsapp)

Abeer Etefa, WFP/Cairo, +20 106 6634352

George Fominyen, WFP/HQ, +39 349 9336721

Tomson Phiri, WFP/ Ginevra, +41 79 842 8057

Steve Taravella, WFP/ Washington,  +1 202 770 5993

Shaza Moghraby, WFP/New York, + 1 929 289 9867