Skip to main content

Come ridurre l’impatto del Coronavirus sulla sicurezza alimentare

Evitare il protezionismo, monitorare i prezzi e sostenere i più vulnerabili attraverso reti di sicurezza sociale può limitare l'impatto della pandemia
, Simona Beltrami, WFP

Nelle ultime settimane, mentre il nuovo Coronavirus (Covid-19) si diffondeva raggiungendo proporzioni di pandemia, abbiamo sviluppato un'ossessione per cifre e statistiche — quanti nuovi casi sono stati segnalati e da quanti paesi? Come cresce la curva di infezione? Qual è il tasso di mortalità e come si rapporta a quello di una ‘normale' influenza?


1*DJhMBNY-MtNWGkiXeBQh2w.jpeg
Gli effetti del Covid-19 sull'economia globale sono ancora difficili da valutare nel loro complesso ma appaiono sempre più preoccupanti. Foto: WFP/Rein Skullerud


Questi non sono però i soli numeri che occupano in maniera compulsiva le nostre menti. Gli altri sono quelli economici che, sebbene siano in continua evoluzione, dipingono un quadro molto preoccupante.


" È ancora troppo presto per una valutazione accurata dell'impatto del Covid-19 sull'economia", afferma Arif Husain, Capo economista del World Food Programme (WFP), parlando da una Roma in quarantena ed immersa in un surreale silenzio. "Sono ancora tante le cose che non si conoscono — quanto durerà la pandemia, quanti paesi colpirà e quali saranno le politiche che verranno attuate dai paesi per rispondere alla crisi".


"Quello che è certo è che ci si aspetta una recessione economica a livello globale che probabilmente si ripercuoterà sulle economie in via di sviluppo. In questi contesti, un rallentamento dell'economia può aggravare l'insicurezza alimentare esistente perché limiterebbe in vari modi la capacità delle persone di accedere a cibo nutriente, a causa, per esempio, della riduzione dei redditi o di una maggiore insicurezza lavorativa", spiega Husain.


Mentre il settore agroalimentare dovrebbe teoricamente essere meno colpito di altri, i rifornimenti potrebbero essere messi a rischio da una serie di fattori, come una carenza di manodopera a causa della malattia, interruzioni dei trasporti, misure di quarantena che limitano l'accesso ai mercati e interruzioni della catena di approvvigionamento con conseguenti perdite di cibo e sprechi alimentari.


1*Y9P_43M6RNDmprJzWibQbA.jpeg
L'epidemia di Covid-19 potrebbe avere un effetto sulla catena di approvvigionamento. Foto: WFP/Edward Johnson


Da un altro punto di vista, una perdita del potere di acquisto causata dalla malattia potrebbe cambiare le abitudini alimentari delle persone, con un conseguente peggioramento della nutrizione. Gli acquisti massicci di generi alimentari dovuti al panico — come quelli recentemente osservati in diversi paesi — potrebbero interrompere la catena di approvvigionamento e causare aumenti dei prezzi a livello locale.


Tralasciando le implicazioni sulla sicurezza alimentare dovute a un rallentamento economico, una vasta diffusione della malattia in un paese più povero e insicuro dal punto di vista alimentare potrebbe comportare un prezzo più pesante da pagare a livello economico rispetto ai paesi attualmente colpiti.


"I paesi con alti livelli di insicurezza alimentare sono generalmente più vulnerabili e meno preparati a fronteggiare un'epidemia, e potrebbero avere dei tassi di mortalità maggiori", afferma Husain. "E non dimentichiamoci che la malnutrizione aumenta la vulnerabilità alle malattie".


"Le conseguenze economiche potrebbero finire per colpire più persone della malattia stessa"


Ne consegue che un maggiore impatto sulla forza lavoro che, in paesi più insicuri a livello alimentare e a basso reddito, è spesso la base su cui si fondano i sistemi produttivi, potrebbe aggravare le ripercussioni sulla produzione. Allo stesso tempo, il panorama dei servizi nei paesi più poveri vede poca digitalizzazione e un maggiore dipendenza dai contatti diretti. Ciò significa che le misure di contenimento, messe in atto per limitare l'interazione umana, o la riduzione di clienti causata dalla paura, potrebbero colpire più duramente.


In diversi paesi a basso reddito — ad esempio in Africa sub-sahariana—un clima più caldo e una popolazione più giovane, in aggiunta a spazi meno densamente popolati e prevalentemente rurali e limitati collegamenti sia all'interno che tra i paesi, potrebbero ridurre la velocità di diffusione del virus.


Husain è però preoccupato. "In alcuni contesti, le conseguenze economiche di questa pandemia potrebbero finire per colpire più persone della malattia stessa", afferma. "Pensate ai poveri di molti paesi che fanno affidamento sulle importazioni per coprire sia le loro esigenze alimentari che per poter acquistare il carburante e sulle esportazioni di materie prime per potersi permettere tutto questo. Per loro la recessione economica globale innescata dal Covid-19 comporterà importazioni molto più costose e meno denaro derivante dalle esportazioni. Dobbiamo fare tutto il possibile affinché sopravvivano a questa doppia sfortuna!"


Quindi, come si può limitare l'impatto dell'attuale crisi sulla sicurezza alimentare ?


1*tQclbNlv2UjnYLmCgFN57w.jpeg
"La pandemia di Covid-19 non deve necessariamente trasformarsi in una crisi alimentare". Foto: WFP/Giulio D'Adamo


"La buona notizia è che questa pandemia non deve necessariamente trasformarsi in una crisi alimentare", afferma Husain, avvertendo che "la misura in cui il Covid-19 influenzerà i mercati alimentari è condizionata dall'abilità dei paesi nel mantenere la calma anche di fronte ad eventuali scarti nella catena di approvvigionamento e a non ricorrere a politiche protettive individualiste".


"Il flusso regolare del commercio globale contribuisce a garantire l'approvvigionamento alimentare", osserva Husain. "Inoltre, il monitoraggio dei prezzi e dei mercati alimentari — un'area in cui il WFP ha una lunga esperienza — e la condivisione trasparente delle informazioni rilevanti rafforzerà le politiche dei governi e aiuterà ad evitare che le persone siano prese dal panico".


È importante sottolineare che i paesi e le popolazioni più vulnerabili dovrebbero essere supportati, non solo attraverso la fornitura di assistenza medica, ma anche attraverso reti di sicurezza con la flessibilità necessaria per rispondere agli shock.


"Grazie al continuo supporto dei nostri donatori, il WFP può contribuire a fornire questo sostegno aiutando le comunità e le famiglie a riprendersi più rapidamente dopo l'epidemia", conclude Husain.