Skip to main content

Ad ogni costo: raggiungere chi ha bisogno in Sud Sudan

Negoziare per uno spazio umanitario. Per salvare e migliorare le vite in Sud Sudan
, WFP Italia
1*u8KHfoBx9c3eSQ6aRKWTaA.jpeg
Abitanti del posto aiutano a scaricare il cibo dal camion del WFP a Karam, nella contea di Ayod. Foto: WFP/ Gabriela Vivacqua

I cuori e le menti dei sud sudanesi ricordano ancora bene la nascita nel 2011 della nazione più giovane del mondo. I festeggiamenti per l'indipendenza sono stati però di breve durata, poiché il paese è ripiombato rapidamente in conflitto dopo appena due anni.

I combattimenti e le crudeli violazioni dei diritti umani complicano la risposta umanitaria. Nonostante un rivitalizzato processo di pace, quest'anno, una pace duratura è ancora lontana, insieme alla stabilità del paese, al diciannovesimo posto tra le nazioni più grandi dell'Africa.

Organizzazioni umanitarie come il World Food Programme (WFP) delle Nazioni Unite affrontano ancora innumerevoli ostacoli per fornire assistenza alle 7 milioni di persone — più della metà della popolazione— che ne hanno bisogno.

Gli operatori umanitari devono fare i conti con una lunga lista di pericoli come rapimenti, saccheggi, vessazioni, posti di controllo illegali, ostacoli burocratici e, se le cose volgono al peggio, evacuazione dello staff a causa degli scontri.

Eppure, nel 2018, il WFP è riuscito a consegnare 320.000 tonnellate di cibo a 5,3 milioni di persone e a distribuire contanti per 29 milioni di dollari in assistenza alimentare. Il segreto?

Garantirsi l'accesso umanitario da parte di entrambe le parti in conflitto, spesso un diabolico rompicapo —in modo che anche le persone bisognose di assistenza non perdano la vita.

Cosa si intende con accesso umanitario?

1*Ybk8OIWOpJ9DzDei46Futw.jpeg
Lara Atanasijevic, Access Officer del WFP, sbarca da un elicottero del UNHAS a Katdalok. Foto: WFP/ Gabriela Vivacqua

L'accesso umanitario è la capacità sia delle operazioni umanitarie di raggiungere le persone bisognose che delle persone bisognose di raggiungere i servizi umanitari.

Conosciuta come "Access Unit", la squadra in Sud Sudan è la prima nel suo genere al WFP. Gli specialisti facilitano l'accesso umanitario e lavorano per preservare e ampliare lo spazio umanitario a sostegno delle operazioni del WFP e dei suoi partner, anche nelle circostanze più difficili. In Sud Sudan, è una vera impresa.

L'ufficio, un prefabbricato brulicante di operatori umanitari al lavoro, ha le pareti piene di mappe e del piano di missione e risuona degli squilli incessanti dei cellulari e dei telefoni satellitari. Attrezzature da campeggio e stivali sono disseminati un po' ovunque, a testimonianza di una vita sempre in movimento.

La maggior parte del lavoro della squadra — sia sul campo che in ufficio — verte sul coinvolgimento di tutte le parti interessate, come avvertire le autorità dei movimenti del personale e del cibo, negoziare un passaggio sicuro nei checkpoint stradali e fluviali o ancora monitorare la situazione nelle aree di interesse. Una giornata normale è fuori questione, negoziati ad hoc e risoluzione dei problemi sono all'ordine del giorno.

"La fornitura continua di cibo richiede sforzi quotidiani", dice Lara Atanasijevic, funzionaria dell'Access del WFP in Sud Sudan. "Significa identificare rischi ed ostacoli ed elaborare strategie per superarli in collaborazione con altre unità strategiche come la Sicurezza, l'Emergenza e la Logistica". Ma non è tutto.

"Bisogna capire che le negoziazioni non sono lineari," spiega Atanasijevic. "Sono piuttosto un processo continuo, basato su relazioni costruite nel tempo."

Un ambiente difficile

Le statistiche dell'Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari dipingono un quadro cupo. Nel 2018, nel Sud Sudan sono stati segnalati 760 incidenti riguardanti l'accesso umanitario. Di questi, oltre la metà hanno registrato violenze contro il personale e i beni umanitari. Vi sono anche saccheggi, banditismo, checkpoints informali, tassazione sui beni di soccorso e rifiuti categorici di accesso alle aree.

Nel 2018, 15 operatori umanitari sono stati uccisi mentre consegnavano assistenza, portando il totale ad almeno 112 operatori umanitari uccisi dall'inizio del conflitto nel 2013. Nel 2018, almeno 117 operatori umanitari sono stati trattenuti per periodi prolungati da gruppi armati, mentre più di 500 operatori umanitari sono stati trasferiti a causa dell'insicurezza.

Non bisogna farsi prendere dal pessimismo però. Progressi sono ancora possibili.

"L'insicurezza in alcune zone del paese continua a impedire alle organizzazioni umanitarie di raggiungere le persone bisognose", afferma Ronald Sibanda, Direttore del WFP in Sud Sudan. "Tuttavia, siamo ottimisti e convinti che un maggiore dialogo tra tutte le parti contribuirà a migliorare ulteriormente l'accesso e permettere agli attori umanitari di raggiungere i più vulnerabili".

Accesso nelle aree a rischio

1*HHbJzsS6RPBD9Q5bWfVY5w.jpeg
Nel 2018, 15 operatori umanitari sono stati uccisi mentre distribuivano assistenza. Photo: WFP/ Charlie Musoka

A metà del 2018, il WFP preparò il terreno per una risposta multisettoriale nelle contee colpite dal conflitto del Central Unity State, un'area in cui la carestia era stata dichiarata l'anno precedente. L'impegno continuo e strategico di tutte le parti in conflitto è stato fondamentale nella creazione del sostegno necessario a permettere l'arrivo di assistenza umanitaria e l'ampliamento dello spazio umanitario.

Una parte importante delle negoziazioni è stata caratterizzata dalla promozione del rispetto per i principi umanitari di umanità, neutralità, imparzialità ed indipendenza.

Ciò è servito al WFP e ai suoi partner nel raggiungere 170.000 persone con 1.450 tonnellate di cibo speciale e nutriente e altri beni di soccorso.

Un servizio per tutti

1*MQCkPec2TTFM902hPZkaMQ.jpeg
Gli Access teams del WFP aiutano a negoziare e ad assicurare l'accesso anche per conto di altri partner umanitari. Foto: WFP/ Charlie Musoka

L'insicurezza alimentare è certamente la parte più importante nella crisi del Sud Sudan, tuttavia, il team "Access" del WFP svolge anche un ruolo chiave nel negoziare e garantire l'accesso per conto dell'intera comunità umanitaria, consentendo ad altri di fornire assistenza complementare.

Con l'aggravarsi dell'insicurezza a Baggari, a sud-ovest di Wau, al WFP ci sono voluti mesi di negoziazione con le autorità statali e locali per l'accesso umanitario, al fine di avere permessi e garantire la sicurezza degli operatori umanitari e del carico, data la natura imprevedibile del conflitto. La lontananza di Baggari, unita alla stagione delle piogge, ha reso più difficile raggiungere le comunità bisognose di assistenza.

Una volta garantito l'accesso, un convoglio di 14 camion, guidato dal WFP, con 40 operatori umanitari di 11diverse organizzazioni, è entrato nel territorio per fornire assistenza di vario genere. La mancanza di garanzie di sicurezza per lo staff umanitario aveva lasciato 28.000 persone in disperato bisogno di assistenza umanitaria nella regione.

La squadra del WFP ha fatto anche parte di missioni di soccorso. Nel 2017 e 2018, ha giocato un ruolo chiave nel negoziare il rilascio di 40 operatori umanitari di altre organizzazioni.

Molteplici vantaggi

Il team di Access è stato fondamentale per il WFP nella transizione da costosi lanci aerei a un maggiore utilizzo dei trasporti di superficie. Il team ha trascorso mesi a sensibilizzare le autorità locali e le comunità sui principi umanitari e a negoziare il passaggio sicuro delle barche. Il processo ha comportato numerose missioni su fiume e su strada, innumerevoli incontri con le autorità locali e statali che controllano i percorsi oltre a complessi colloqui con le comunità. Sfide a cui la squadra è ben abituata.

Ad ottobre dello scorso anno, per la prima volta dall'inizio della guerra civile nel dicembre del 2013, il WFP ha negoziato l'apertura di corridoi fluviali attraverso le contee di Ulag, Ayod e Fangak sui fiumi Sobat e Zafar, grandi affluenti del Nilo Bianco, per le chiatte e le barche che trasportano il cibo.

Inoltre, molte aree nelle zone di Unity, Jonglei e Nilo Superiore, prima molto difficili da raggiungere, sono ora accessibili via terra, con un notevole risparmio di risorse. In conseguenza di ciò, sono aumentati i trasporti commerciali che utilizzano questi percorsi e sono fioriti i mercati locali ora che le comunità che si sono riunite dopo anni di guerra.

Nonostante le numerose sfide, lo sviluppo degli strumenti per facilitare l'accesso umanitario è stato fondamentale per il WFP nel raggiungere oltre 5 milioni di persone nel 2018. Il lavoro del WFP nel rendere accessibili nuove aree continuerà, insieme agli sforzi del Paese per uscire dal conflitto.

Scopri di più sul lavoro del WFP in Sud Sudan

Dona ORA per sostenere il WFP

Storia originale di Tomson Phiri