Skip to main content

Accesso umanitario vitale se si vogliono salvare vite nel conflitto che infiamma il Sahel centrale

donna prende un sacco di cibo del WFP
Assistenza alimentare del WFP in Burkina Faso. WFP/Mahamady Ouedraogo
DAKAR/ROMA – L’agenzia ONU World Food Programme (WFP) ha lanciato oggi l’allarme: se non sarà garantito urgentemente l’accesso umanitario ad organizzazioni come il WFP, livelli catastrofici di fame potrebbero registrarsi in parti del Burkina Faso, del Mali e del Niger. Il grave allarme viene lanciato alla vigilia della Conferenza Ministeriale di Alto Livello sul Sahel Centrale che si terrà a Copenhagen domani 20 ottobre 2020.

Violenze ed insicurezza hanno fatto precipitare 7,4 milioni di persone nella fame acuta nella regione del Sahel Centrale, in Africa occidentale. Il numero degli sfollati è salito da 70.000 di due anni fa a quasi 1,6 milioni di oggi – oltre 288.000 in Mali, più di 265.000 in Niger e oltre un milione nel Burkina Faso, paese in cui si riscontra la crisi di sfollati in più rapido aumento nel mondo.

“Se non riusciremo a raggiungere le comunità vulnerabili, vedremo nel Sahel aumenti tragici dell’insicurezza alimentare e migliaia di persone spinte ancora di più nell’indigenza”, ha detto Chris Nikoi, Direttore regionale del WFP in Africa occidentale. “In alcune zone nel nord del Burkina Faso, inaccessibili a causa delle terribili violenze e del conflitto, ci sono oltre 10.000 persone che sono a un passo dalla carestia. Il mondo non può aspettare che muoiano donne, uomini e bambini, per prendere azione”. L’assistenza delle organizzazioni umanitarie verso chi ha più bisogno è messa a rischio dal peggioramento del conflitto e dell’insicurezza. Contemporaneamente, gli operatori umanitari sono sempre di più bersaglio di gruppi armati non statali in Burkina Faso, Mali e Niger. Ciò significa che le comunità vulnerabili non riescono ad avere accesso all’assistenza umanitaria salvavita di cui hanno un disperato bisogno in questo momento di crisi.

Il WFP – che ha ricevuto il Premio Nobel per la Pace 2020 – sollecita i partecipanti alla Conferenza a trovare modi attraverso i quali le organizzazioni possano accedere alle comunità e a tutti gli attori sul campo, aprendo percorsi sicuri per l’assistenza umanitaria. La Conferenza si tiene sotto l’egida di Danimarca, Germania, Unione europea e Nazioni Unite.

Il WFP ha continuato a potenziare l’assistenza salvavita in risposta al deterioramento della crisi e ai crescenti bisogni, assistendo 3,4 milioni di persone nel solo mese di agosto.

In Burkina Faso il WFP ha rafforzato le operazioni per rispondere ai crescenti bisogni ma preoccupano le prospettive sul fronte dei finanziamenti. L’agenzia è stata già costretta a ridurre le razioni da luglio 2020 e l’assistenza d’emergenza agli sfollati - fuggiti dalle proprie fattorie, costretti a lasciare il lavoro e senza più altre prospettive – è a rischio a partire da novembre. Il WFP ha bisogno di 135,7 milioni di dollari per proseguire gli interventi nei tre paesi del Sahel centrale per i prossimi sei mesi.

Il WFP sta anche lavorando per rafforzare il sostegno nella costruzione della resilienza per le comunità a rischio. Gli interventi includono la riabilitazione di beni comunitari, il miglioramento di terreni degradati, attività di alimentazione scolastica e nutrizione per le comunità per la prevenzione e il trattamento della malnutrizione. Dal 2018, oltre un milione di persone sono state raggiunte dalle attività integrate per la resilienza del WFP in Niger, Mali e Burkina Faso.

Immagini video disponibili qui:

Shotlist: https://spaces.hightail.com/receive/cNfMpNV7Mq

Streaming: https://content.jwplatform.com/videos/OuJBjvWn-wOVdt6af.mp4

#                                  #                                  #

L’agenzia ONU World Food Programme è stata insignita del Premio Nobel per la Pace 2020. Impegnata a salvare vite nelle emergenze, siamo la più grande organizzazione umanitaria al mondo la cui assistenza alimentare vuole costruire un percorso di pace, stabilità e prosperità per quanti si stanno riprendendo da conflitti, disastri e dall’impatto del cambiamento climatico.

Seguici su Twitter: @wfp_it, @WFP  

 

Argomenti

Burkina Faso Mali Niger

Contatto

Per maggiori informazioni, contattare (nome.cognome@wfp.org):

George Fominyen, WFP/ Dakar, Cell. +221 77 639 4271, 

Frances Kennedy, WFP/ Roma, Tel. +39 06 6513 3725, Cell. +39 346 7600 806
Bettina Luescher, WFP/ Berlino, Cell. +49 160 9926 1730
Tomson Phiri, WFP/ Ginevra, Cell. +41 79 842 8057

Jane Howard, WFP/ Londra, Tel. +44 (0)20 3857 7413, Cell. +44 (0)796 8008 474
Shaza Moghraby, WFP/New York, Cell. + 1 929 289 9867

Steve Taravella, WFP/ Washington, Cell.  +1 202 770 5993