Intesa “verde” tra WFP e Enel

Pubblicato il 16 giugno 2011

Il Direttore Esecutivo del WFP, Josette Sheeran e l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel, Fulvio Conti hanno firmato un accordo di collaborazione che prevede numerose iniziative per combattere la fame e le conseguenze dei cambiamenti climatici.

Firmato a Roma, da Enel e WFP, un accordo quadro di collaborazione nella lotta alla fame nel mondo e ai cambiamenti climatici con investimenti complessivi sino a otto milioni di euro.

L’intesa, siglata dal Direttore Esecutivo del WFP, Josette Sheeran, e dall’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel, Fulvio Conti, prevede numerose iniziative. In particolare Enel Trade si occuperà di sostenere la produzione e distribuzione nei Paesi del Sud del mondo, di cucina a basso impatto ambientale in grado di ridurre i rischi di deforestazione e quelli per le donne che, nei lunghi tragitti in cerca di legna, sono costantemente esposte alla minaccia di violenze sessuali.

Enel Trade metterà a disposizione anche la sua esperienza nel campo dei Clean Development Mechanism, gli strumenti previsti dal protocollo di Kyoto a favore dell’ambiente per effettuare, insieme al WFP, l’analisi di fattibilità e lo sviluppo del modello di business necessario alla generazione di crediti da riduzione delle emissioni di CO2. Carbon credits, dunque, come riflesso di una migliore impronta ecologica.

Enel Green Power sta, invece, studiando l’installazione di impianti fotovoltaici sui tetti delle Basi di Pronto Intervento Umanitario (UNHRD) di Brindisi (Italia), Panama City (Panama),  Dubai (EAU) e Accra (Ghana), che il WFP gestisce per conto della comunità umanitaria.
Infine, Enel Cuore, la Onlus del Gruppo, selezionerà uno o più programmi del WFP, sostenendoli con investimenti. Tra i paesi identificati vi sono Perù, Colombia e Guatemala.