Hunger Map 2013: il mondo in cifre

Pubblicato il 29 ottobre 2013

Gli ultimi dati sulla fame nel mondo  testimoniano di miglioramenti  significativi ma ancora troppo lenti. Non tutti i paesi riusciranno a raggiungere il primo delle Obiettivi di Sviluppo del Millennio entro il 2015. Mentre pesano le disparità regionali.

Gli ultimi dati sulla fame nel mondo  testimoniano di miglioramenti  significativi ma ancora troppo lenti. Non tutti I paesi riusciranno a raggiungere il primo delle Obiettivi di Sviluppo del Millennio entro il 2015. Mentre pesano le disparità regionali.

Mappa della fame 2013

Scopri altre informazioni cliccando sulla mappa qui in basso.

Ecco alcuni dati esemplificativi:
•    Il numero stimato di persone che soffre  la fame ammonta a 842 milioni di persone, pari a 1 su 8 o il 12 per cento della popolazione mondiale.
•     La grande maggioranza delle persone che soffre la fame – 827 milioni - vive nei paesi in via di sviluppo.
•    Il primo degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio è di dimezzare la proporzione del numero degli affamati entro il 2015.  Alla data attuale,  ottobre 2013, 62  paesi hanno  raggiunto questo obiettivo, altri 6 paesi sono sulla buona strada ma non tutti ce la faranno entro il 2015.
•     Nonostante i numerosi progressi nella lotta contro la fame, persistono profonde disparità regionali . L’Africa Sub-Sahariana  è la zona del mondo  dove si concentra il più alto tasso di persone sottonutrite e i progressi, negli ultimi anni,  sono stati molto lenti.  Quasi 1 persona su 4 si trova in una condizione di sottoalimentazione (24,8 per cento).   
•    L’Asia del Sud è la zona del mondo con il  più alto numero di affamati anche se la percentuale di chi soffre la fame è scesa dal 25,7 % al 16,8 % in vent’anni.
•    Riduzioni significative nel numero degli affamati si sono, invece, registrate nella maggior parte dei paesi dell’Asia del’Est e del Sud-Est  come pure in America Latina.