WFP Aggiornamento Operativo - Siria: il WFP raggiunge le famiglie intrappolate nel Ghouta orientale con aiuti alimentari e nutrizionali

Pubblicato il 31 ottobre 2017

DAMASCO – L’agenzia delle Nazioni Unite World Food Programme (WFP), la notte scorsa, è riuscita a consegnare assistenza alimentare indispensabile per decine di migliaia di Siriani che vivono in condizioni estremamente difficili nel Ghouta Orientale, un’area assediata alla periferia della capitale siriana. 

Nel Ghouta orientale, le scorte di cibo erano ormai scese a livelli critici. Quest’anno le possibilità di accesso per i gruppi umanitari sono state piú esigue rispetto allo scorso e l’unico punto d’ingresso per raggiungere la zona assediata, il checkpoint di Al-Wafideen, è stato chiuso. Ció ha comportato, a partire dalla chiusura di questo punto d’accesso avvenuta il mese scorso, un aumento del doppio nel prezzo dei cibi di base.
    
Lunedì sera, un convoglio umanitario di 49 camion ha raggiunto il Ghouta orientale. 41 di questi camion trasportavano razioni alimentari del WFP destinate a 40.000 persone nelle aree di Kafr Batna e Saqba oltre a prodotti nutrizionali specializzati per quasi 13.000 bambini. Nei prossimi giorni, è previsto l’arrivo di ulteriori aiuti.
 
Ogni razione alimentare comprende riso, bulgur, olio vegetale, farina di grano, lenticchie, piselli, sale e zucchero per una famiglia di cinque persone per un mese. Inoltre, i rifornimenti nutrizionali del WFP serviranno per il trattamento e la prevenzione della malnutrizione acuta nei bambini dai 6 mesi ai 5 anni.
 
Il WFP non riusciva a raggiungere il Ghouta orientale dal 23 settembre, quando aveva consegnato assistenza alimentare a 25.000 persone nelle città assediate di Harasta orientale, Misraba e Modira. Dall’inizio del 2017, tramite sei convogli, il WFP è riuscito a raggiungere con l’assistenza alimentare e nutrizionale solo circa 110.000 delle 400.000 persone che si trovano in condizioni di bisogno.
 
Il WFP fa appello affinchè sia garantito accesso sicuro e incondizionato alle milioni di persone che necessitano di assistenza umanitaria in tutto il Paese, a prescindere da dove si trovino.
 
3 milioni di persone in Siria vivono in aree difficili da raggiungere, di queste, 420.000 persone vivono in 10 aree assediate. La stragrande maggioranza di queste persone si trova nel Ghouta orientale e sta incontrando serie difficoltà nel procurarsi cibo a sufficienza.
 
Quest’anno il WFP ha fornito cibo a un totale di 1,45 milioni di persone in queste aree. Nel solo mese di settembre, più di 254.000 persone in 16 zone assediate o difficili da raggiungere hanno ricevuto assistenza alimentare e nutrizionale nei governatorati di Damasco, Damasco Rurale, Hama, Idleb, Deir Ezzor e Raqqa.