Palestina: scarsi finanziamenti costringono il WFP a ridurre l'assistenza alimentare nonostante i crescenti bisogni

Pubblicato il 19 dicembre 2018

GERUSALEMME – Il World Food Programme delle Nazioni Unite (WFP) sta affrontando una grave carenza di fondi in Palestina che colpirà circa 193.000 tra le persone più povere a Gaza e in Cisgiordania a partire da gennaio 2019. 

Poiché le priorità operative del WFP si basano sui fondi disponibili, saranno 27.000 le persone che, in Cisgiordania, non riceveranno più assistenza mentre le rimanenti persone riceveranno solo l'80% di quanto regolarmente fornito ogni mese.
 
La preoccupazione del WFP è che questi tagli possano avere un effetto devastante sulla sicurezza alimentare, sui mezzi di sussistenza e sul benessere delle persone che l’agenzia aiuta in Palestina.
Il WFP ha bisogno di 57 milioni di dollari per mantenere, nel 2019, l'attuale livello di sostegno per 360.000 persone. In assenza di contributi aggiuntivi, dovranno essere fatti ulteriori tagli all'assistenza.
 
“L'assistenza del WFP è stata vitale per decine di migliaia di persone che hanno esaurito tutte le loro scarse risorse nel tentativo di affrontare le continue e crescenti difficoltà”, ha detto Stephen Kearney, Rappresentante e Direttore WFP in Palestina. “E’ sempre più ampio il divario tra i crescenti bisogni di cibo e le risorse disponibili, e al WFP non rimane altra scelta che dover prendere queste decisioni difficili.”
 
L'insicurezza alimentare è in aumento e colpisce un terzo della popolazione palestinese. La situazione peggiore si riscontra a Gaza, dove quasi il 70% della popolazione vive nell’insicurezza alimentare, secondo i risultati preliminari di un recente studio nazionale sulla sicurezza alimentare.
 
L'assistenza del WFP è diretta alle comunità più povere e più insicure dal punto di vista alimentare, classificate come quelle che vivono in uno stato di povertà estrema. Molte di loro a fatica sopravvivono con meno di un dollaro al giorno e non riescono a soddisfare i principali bisogni che riguardano cibo, abiti e alloggio. L’interruzione e la riduzione dell’assistenza alimentare potrebbe costringerle a saltare i pasti, a contrarre ulteriori debiti e a ritirare i bambini da scuola. Queste misure rischiano di aggravare la crisi umanitaria e l'instabilità esistenti a Gaza.
 
“Facciamo appello alla comunità internazionale di donatori affinché rafforzi il suo sostegno e ci aiuti a evitare difficoltà ancora maggiori”, ha detto Kearney.
 
I tagli all'assistenza rischiano di andare oltre l'impatto immediato che potrebbero avere sulla vita delle persone e sulla loro capacità di soddisfare i bisogni immediati di cibo. Grazie ai suoi buoni alimentari elettronici mensili, il WFP inietta 3 milioni di dollari nell’economia locale attraverso una rete di 185 negozi a Gaza e in Cisgiordania. Si è riscontrato che i voucher hanno aumentato di molto la creazione di posti di lavoro e di investimenti nel settore agro-industriale, a  vantaggio delle piccole imprese, dei produttori locali caseari e delle piccole realtà agricole.
 
# # #
 
Il World Food Programme delle Nazioni Unite – salva le vite nelle emergenze e trasforma le vite di milioni di persone attraverso lo sviluppo sostenibile. Il WFP lavora in oltre 80 paesi nel mondo, sfamando le persone colpite da conflitti e disastri naturali e gettando le basi per un futuro migliore.  
 
Seguici su Twitter: @wfp_it 
 
Per maggiori informazioni, contattare (indirizzo email: nome.cognome@wfp.org):
Raphael du Boispean, WFP/Gerusalemme, Cell. +972 546773160 
Yasmine Abuelassal, WFP/ Gerusalemme, Cell. +972 546773170
Abeer Etefa, WFP/il Cairo, Cell.  +201066634352
Steve Taravella, WFP/New York, Cell.  +1 2027705993
Challiss McDonough, WFP/Washington, Cell.  +1 202-7744026
Francis Mwanza, WFP/Londra, Cell. +44 7968008474