David Beasley nominato nuovo Direttore Esecutivo del WFP

Pubblicato il 29 marzo 2017

David Beasley. Foto: Courtesy of Flip Holsinger

Il Presidente del Consiglio d'Amministrazione del World Food Programme, Sua Eccellenza Anil Wadhwa ha accolto con favore la nomina di David Beasley (USA) come nuovo Direttore Esecutivo del WFP. 

La nomina è stata fatta dal Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres e dal Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva, dopo una consultazione con il Consiglio d'Amministrazione in una sessione speciale tenutasi presso la sede del WFP a Roma. 

Nel dare il benvenuto a Beasley, Wadhwa ha detto: "Il Sig. Beasley possiede delle qualifiche eccezionali che saranno di grande beneficio al WFP. Il Consiglio sarà contento di lavorare con lui in una stretta e armoniosa collaborazione". 

Beasley, Chair del 'Center for Global Strategies', è stato dal 1995 al 1999 Governatore della Carolina del Sud. A 21 anni, Beasley ha avuto un seggio alla Camera dei Rappresentanti della Carolina del Sud mentre era ancora all'Università. David Beasley succede a Ertharin Cousin al termine del mandato, della durata di cinque anni, che si conclude il 4 aprile 2017. 

Nel corso del suo mandato, iniziato ad aprile 2012, Cousin ha guidato il WFP in un periodo caratterizzato da un numero senza precedenti di grandi emergenze. Cousin ha detto che, nel corso di conversazioni prima della sua nomina, Beasley ha sottolineato il suo impegno ad aumentare le risorse del WFP in un periodo nel quale l'organizzazione sta affrontando quattro carestie e anche lavorando per il raggiungimento dell'Obiettivo di Sviluppo Sostenibile di porre fine alla fame.

"Sono rimasta favorevolmente colpita dalla sua comprensione dell'organizzazione e del piano strategico approvato dal Consiglio, oltre che dal suo sostegno per la sua implementazione sotto la leadership del Consiglio", ha aggiunto Cousin rivolgendosi al Consiglio d'Amministrazione che, ha detto la Direttrice Esecutiva uscente, è sicura sarà favorevolmente colpito dall'impegno di Beasley a lavorare a vantaggio delle persone vulnerabili.