Comunicato stampa WFP: Il WFP rafforza l'assistenza e la comunità umanitaria riduce la fame nel nord est della Nigeria

Pubblicato il 27 gennaio 2017

La Direttrice Esecutiva del WFP, Ertharin Cousin, incontra degli sfollati nigeriani nel campo di Pompomari, a Damaturu, dove hanno trovato rifugio quanti provengono dagli stati di Yobe e Borno. Le 2.000 persone nel campo sono fuggite dalle loro terre e hanno perso le loro case. Qualcuno si trova nel campo da piú di due anni. Copyright: WFP/Anre Vornic.

La Direttrice Esecutiva del WFP, Ertharin Cousin, accoglie con soddisfazione i progressi fatti dalla comunità umanitaria e dal governo della Nigeria nella lotta alla fame nel nord est del paese. 

DAMATURU/ABUJA – La Direttrice Esecutiva dell’agenzia dell’ONU World Food Programme (WFP), Ertharin Cousin, accoglie con soddisfazione i progressi fatti dalla comunità umanitaria e dal governo della Nigeria nella lotta alla fame nel nord est del paese. Insieme, ha detto la Cousin, stanno raggiungendo un crescente numero di persone colpite da anni di conflitto.

Le persone che vivono nelle aree recentemente liberate soffrono di fame estrema e malnutrizione. I bambini, in particolare, sono colpiti da malnutrizione acuta grave. Lo scorso dicembre, il WFP e i suoi partner hanno potuto raggiungere, attraverso una risposta combinata di interventi rapidi terra-aria, piú di un milione di persone bisognose, soprattutto in queste zone ad alto rischio. Inoltre, mentre alcune aree rimangono inaccessibili, le organizzazioni stanno lavorando insieme per poter raggiungere fino a 1,8 milioni di donne, uomini e bambini vulnerabili nel primo trimestre del 2017.

“In pochi mesi, sono stati fatti dei progressi straordinari”, ha detto Cousin. “Bambini che lo scorso novembre riuscivano a malapena a reggersi in piedi ora sono in fase di recupero. Continueranno ad avere bisogno della nostra assistenza nei mesi a venire. Il lavoro della comunità internazionale in Nigeria non è ancora finito”.

Queste parole seguono la visita della Cousin al campo di Pompomari per sfollati a Damaturu, dove hanno trovato rifugio quanti provengono dagli stati di Yobe e Borno. Le 2.000 persone nel campo sono fuggite dalle loro terre e hanno perso le loro case; qualcuno si trova nel campo da piú di due anni.
A Pompomari, il WFP fornisce assistenza in contanti attraverso crediti elettronici su telefoni cellulari. Questo tipo di assistenza aiuta anche a stimolare i mercati locali. Per prevenire e curare la malnutrizione infantile, i bambini sotto i cinque anni ricevono integratori altamente nutritivi a base di arachidi, mentre le donne incinte e che allattano ricevono supporto nutrizionale.

Insieme alla preoccupazione per la continuità dei finanziamenti, la Cousin ha espresso cautela: “Il mondo non dovrebbe aspettare che i bambini muoiano prima di agire”, ha messo in guardia Cousin, che ha fatto appello alla comunità internazionale per non privilegiare un bambino affamato a discapito di un altro.