Comunicato Stampa WFP: Appello del WFP per accesso e risorse al fine di prevenire la carestia in Yemen

Pubblicato il 13 marzo 2017

La Direttrice Cousin sollecita l'aiuto della comunità internazionale per prevenire la carestia in Yemen.

ADEN/SANA’A – La Direttrice Esecutiva dell’agenzia dell’ONU World Food Programme (WFP), Ertharin Cousin, in visita nello Yemen, ha sollecitato l’aiuto della comunità internazionale nel prevenire una carestia con risorse per rispondere ai bisogni immediati di quanti vivono in stato di grave insicurezza alimentare. 

Cousin ha fatto anche appello alle parti in conflitto e alle autorità ad Aden e Sana’a per un accesso che permetta di raggiungere le persone affamate che moriranno senza sostegno alimentare e nutrizionale. 

“Gli operatori umanitari stanno facendo la differenza in Yemen perché hanno evitato, finora, che lo Yemen scivoli in stato di carestia”, ha detto Cousin. “La sfida è che ci sono aree inaccessibili dove le persone soffrono di grave insicurezza alimentare. Ed è qui che si corre il serio rischio di avere persone che muoiono di fame”. 

Cousin, nel suo viaggio di tre giorni ad Aden e Sana’a, ha visitato centri nutrizionali, centri per la salute e per le distribuzioni di cibo dove ha incontrato famiglie che fanno fatica a sfamare i propri figli. 

Lo Yemen, la Somalia e il nord-est della Nigeria sono sull’orlo della carestia. Lo scorso mese, la carestia è stata dichiarata in alcune parti dello stato di Unity in Sud Sudan.

Cousin ha descritto la situazione in Yemen come straziante. 

“I numeri ci raccontano la storia, con oltre 17 milioni di persone che vivono nell’insicurezza alimentare e circa sette milioni di persone che soffrono di grave insicurezza alimentare”, ha detto Cousin. “Si tratta di una corsa contro il tempo e se non potenziamo l’assistenza per raggiungere quanti sono in una condizione di grave insicurezza alimentare, assisteremo al sorgere di condizioni simili alla carestia in alcune delle aree maggiormente colpite ed inaccessibili, il che significherà che le persone moriranno”. 

Nonostante le notevoli sfide poste dall’accesso, a febbraio in Yemen il WFP ha raggiunto un numero record di 4,9 milioni di persone in stato di insicurezza alimentare. A causa di finanziamenti inadeguati, il WFP ha ridotto le razioni alimentari per poterne distribuire a un numero maggiore di persone.

Si prevede già di incrementare ulteriormente l’assistenza al fine di poter raggiungere  i sette milioni di persone che non possono sopravvivere senza assistenza esterna di cibo. Sono però necessarie risorse urgenti - e accesso via mare e terra – per raggiungere quelle persone.

Una delle donne che riceve voucher alimentari dal WFP si è rivolta alla Cousin, durante la sua visita ad un centro di distribuzione di cibo, dicendo: "Ora sopravviviamo solo grazie ai voucher del WFP, se non li ricevessimo non avremmo nulla da mangiare e soffriremmo la fame." La donna vive con il padre che in precedenza aveva ricevuto assistenza in denaro nell'ambito dei programmi governativi di protezione sociale, ma questo tipo di sostegno si è interrotto lo scorso settembre.

Lo Yemen, paese più povero della regione, ha dovuto subire decenni di insicurezza alimentare cronica e negli ultimi due anni la situazione è peggiorata rapidamente a causa del conflitto in corso.

"La causa profonda della situazione in Yemen è un conflitto che dovrebbe cessare. Non possiamo affrontare in modo efficiente i rischi connessi alla sicurezza alimentare nel paese senza pace e sicurezza", ha aggiunto Cousin. "C’è bisogno di pace in Yemen."

Il WFP ha fatto appello per 950 milioni di dollari per poter sostenere gli oltre sette milioni di persone in Yemen quest'anno. Di questi, il WFP ha bisogno urgente di circa 460 milioni di dollari nel periodo da marzo ad agosto per coprire pienamente le esigenze alimentari delle persone che spera di raggiungere.