Assistenza alimentare vitale per quanti colpiti dal conflitto nello stato del Nilo Blu in Sudan

Pubblicato il 04 aprile 2013
E' la prima volta che il WFP distribuisce assistenza alimentare da quando è scoppiato il conflitto, nel settembre del 2011, che ha costretto migliaia di persone ad abbandonare le proprie case.

Il WFP ha iniziato a fornire assistenza alimentare urgente alle persone colpite dal conflitto nello stato del Nilo Blu, in Sudan. Ė la prima volta che l’agenzia distribuisce assistenza alimentare da quando è scoppiato il conflitto, nel settembre del 2011, che ha costretto migliaia di persone ad abbandonare le proprie case. Molti di loro hanno attraversato il confine verso l’Etiopia e il Sud Sudan.

“In questa prima fase della distribuzione, stiamo consegnando razioni di cibo sufficienti per due mesi, dopo aver portato a termine una verifica della situazione, lo scorso mese, nelle due aree maggiormente colpite dal conflitto - Geissan and Kurmuk,” ha detto Arduino Mangoni, operatore del WFP che si trova a Geissan, alla guida del team che sta monitorando la distribuzione.

In queste due località, il WFP prevede di raggiungere più di 51.000 persone, circa 12.000 in Geissan ed 39.000 a Kurmuk.

Un altro team del WFP sta effettuando verifiche in altre quattro località dello stato del Nilo Blu che attualmente si possono raggiungere. Le verifiche servono a capire come le persone riescono a soddisfare i propri bisogni alimentari, quale cibo è disponibile sul mercato e a quale prezzo viene venduto.

“Il piano generale consiste nel portare assistenza a tutti quelli che possiamo raggiungere nelle sei località, prima dell’arrivo della stagione delle piogge, a maggio,” ha detto il Direttore WFP nel paese, Adnan Khan.

“L’accesso a tutte le aree è ancora problematico, questo è però un importante passo avanti che ci permetterà di assistere  gli sfollati a causa del conflitto o chi ha deciso di fare ritorno a casa e ha un estremo bisogno di assistenza alimentare. Per questa prima risposta, abbiamo bisogno di ulteriori fondi, pari a 20,5 milioni di dollari, che serviranno a comprare 17.000 tonnellate di cibo.”

Prima dell’inizio del conflitto, il WFP forniva assistenza alimentare a circa 183.000 persone a rischio nello stato del Nilo Blu, la maggior parte dei quali erano a Kurmuk, la località più povera con alti livelli di insicurezza alimentare.