La fame: un problema risolvibile


Senza fame, si rafforzano il corpo e la mente delle nuove generazioni

Nutrizione per i bambini al di sotto dei due anni - Se le donne incinte o che allattano e i bambini al di sotto dei due anni dispongono di cibo nutriente, si garantisce un sano sviluppo fisico e mentale dei bambini. Leggi la storia di Sadak, un bambino somalo.

 

   

Pasti per i bambini a scuola  - Ricevendo pasti gratuiti a scuola, i bambini hanno a disposizione il cibo di cui hanno bisogno per concentrarsi sulle lezioni. Inoltre, in questo modo frequentano la scuola, il che li aiuterà a sfuggire alla povertà e alla fame. Leggi la storia di Vera, da Capoverde.

 

  

Senza fame, il mondo è più sicuro e stabile

Assistenza alimentare nelle emergenze - Fornire razioni alimentari d'emergenza a seguito di un disastro naturale o causato dall'uomo può salvare migliaia di vite. Può anche salvaguardare lo sviluppo fisico e intellettuale dei bambini prevenendo la malnutrizione. Guarda la galleria fotografica dei bambini di Haiti, tornati a scuola dopo il terremoto del gennaio 2010.

 

   

Vouchers in cambio di cibo - Quando il cibo è disponibile sui mercati, ma le persone povere non hanno la possibilità di acquistarlo, i buoni alimentari servono ad assicurare alle famiglie più vulnerabili il cibo di cui hanno bisogno. I buoni aiutano anche l'economia locale. Per saperne di più.

 

    

Senza fame, cresce lo sviluppo economico 

Sostegno ai piccoli agricoltori - Fornire formazione e sostegno ai piccoli agricoltori e aiutarli a collegarsi ai mercati permettono alle comunità di sviluppare sistemi di produzione alimentare più solidi. Scopri i nostri programmi di "Acquisti per il Progresso" (Purchase for Progress, P4P)

 

  

Cibo in cambio di formazione - Dare alle donne povere razioni alimentari in cambio della frequenza a corsi di formazione -  in modo che acquisiscano abilità professionali per guadagnarsi da vivere - le aiuta ad essere autonome e a costruirsi un futuro. Leggi la storia di queste donne.

 

 

E tu, come puoi aiutare?

Iscriviti alla nostra newsletter

Dona ora.